Accademia MIBES: Medicina Integrata, Benessere e Salute

Piattaforma eLearning
Vuoi vedere gratuitamente 5 minuti di questo e altri corsi?
Clicca qui per iniziare la tua prova!




    In relazione all'informativa sulla privacy:
    Autorizzo al trattamento dei dati

    Daniele Nardocci

    Valutare il paziente secondo i 5 Modelli Osteopatici – Corso on-demand

    Decodificare segni e sintomi del paziente per scegliere il miglior approccio terapeutico osteopatico

    Corso in modalità on-demand – Attestato incluso

    270,00

    + IVA

    Una volta acquistato, potrai vedere il corso per sempre!

    Durata: 5 ore e 15 minuti
    Moduli: 9
    Lezioni: 9
    Crediti ECM: Nessuno
    Programma completo in pdf: scarica

    Se hai partita IVA, l'acquisto del corso è detraibile al 100% come spese di formazione secondo il D.D.L. 2233

    I

    SCOPRI DI PIÙ SUL CORSO!

    DESCRIZIONE DEL CORSO

    ​Il risultato terapeutico del trattamento osteopatico nasce da una corretta valutazione del paziente.
    Nel corso verranno analizzati e utilizzati gli archetipi concettuali dei 5 modelli osteopatici per creare un iter valutativo osteopatico che porti alla scelta del miglior processo terapeutico da mettere in atto per ogni specifico paziente.
    Eseguire una valutazione corretta e di conseguenza scegliere il giusto approccio terapeutico è fondamentale per aiutare il paziente nel processo di auto-guarigione.
    I 5 Modelli Osteopatici forniscono una chiave di lettura del paziente e della sua problematica, permettendo all’osteopata di scegliere la più adeguata forza di attivazione per interagire con il complesso sistema mente-corpo.

    REQUISITI PER PARTECIPARE

    Il corso è pensato per osteopati, per studenti di osteopatia e per neo diplomati che sono alle prime esperienze cliniche reali. Nello specifico, per tutti coloro che ricercano una guida affidabile e fondata nella valutazione e nella scelta dell’approccio terapeutico da applicare.

    FINALITÀ ED OBIETTIVI

    L’obiettivo del corso è fornire le conoscenze teoriche e pratiche per poter effettuare un’anamnesi e una valutazione osteopatica funzionale alla problematica del paziente. In questo modo, il terapeuta può scegliere l’approccio terapeutico più idoneo alla disfunzione strutturale o funzionale con la quale il paziente si presenta in studio tenendo conto della sua singolarità come individuo.

    ELEMENTI DISTINTIVI

    Nello scenario attuale dell’istruzione osteopatica dove ci si concentra molto sull’apprendere a perfezione tecniche di approccio, questo corso pone l’attenzione sul PERCHÉ e sul QUANDO scegliere un approccio osteopatico rispetto ad un altro.
    Il corso, anche se in modalità on-demand, è strutturato con tantissimi spunti pratici da poter subito utilizzare e testare nella propria pratica clinica.

    DOCENTI DEL CORSO

    DANIELE NARDOCCI

    Si è laureato in Scienze Motorie presso l’Università di Studi di Roma Tor Vergata, e in seguito si è diplomato in Osteopatia presso la scuola FisioMedic Accademy. Ospita presso il suo studio ogni giorno studenti di osteopatia seguendoli nel tirocinio formativo.
    Negli ultimi anni sul web, sfruttando tutte le piattaforme disponibili, sta effettuando una divulgazione osteopatica verticale, attività che gli concede la possibilità di confrontarsi giornalmente con colleghi osteopati e fisioterapisti in tutta Italia. Grazie a tal attività ha costatato lo stato attuale formativo osteopatico, comprese le debolezze, le carenze e i punti di forza. La sua giovane esperienza gli permette di comprendere esattamente la modalità migliore di approccio con i giovani studenti.

    APPROFONDIMENTI DAL BLOG

    I 5 modelli per una corretta ed efficace valutazione osteopatica

    La valutazione osteopatica è un tassello fondamentale su cui si erge il trattamento osteopatico, ed è il punto di partenza che permette di scegliere l’approccio terapeutico migliore da applicare a quel SINGOLO paziente. La valutazione si divide in 2 momenti: la prima parte è quella anamnestica dove si raccolgono informazioni e dati del paziente; la seconda parte è quella adibita alla valutazione osteopatica, dove si eseguono test specifici per capire lo stato attuale di adattamento della persona, se si trova in una sindrome di adattamento generale o locale, e se occorre attuare un approccio massimalista o minimalista. Continua sul blog

    La biotipologia nella valutazione osteopatica: pregi e limiti

    Nella valutazione osteopatica la capacità di saper osservare il paziente è molto rilevante nel processo di diagnosi e nella gestione terapeutica. L’osteopata esperto è in grado di farsi un idea sulle possibili e potenziali disfunzioni che può e potrebbe presentare un paziente esclusivamente osservandolo dall’esterno, senza l’utilizzo del tocco. Questa abilità osservativa, oltre che dall’esperienza accumulata durante la clinica, è data anche dalla conoscenza dei diversi biotipi descritti secondo la biotipologia. Continua sul blog